Red Velvet Cupcakes ( summer)

L’estate, una stagione circondata da profumi freschi e colori caldi, voglia di sole, di calore e di leggerezza.

Leggerezza e praticità sia nel mangiare sia nel vestire…frutta in ogni angolo della giornata, persino dopo una lunga giornata al mare, sotto il sole, si ha voglia di tuffarsi in quel fresco profumo di anguria , e difficilmente ci si stacca.
E’ come il film al quale si è tanto legati, dove il dvd ormai si è consumato, e a fatica lo riproduce ma la voglia di vederlo e commuoversi sulle stesse scene ancora una volta, non si consumerà mai.

 

Così è il rituale che da sempre accompagna il taglio dell’anguria. La accomodo su un grande tagliere, la incido per metà, e appena dopo il suo scricchiolio, arriva al naso quel profumo fresco “un profumo di estate”.

 

“Andiamo Matteo , mamma sta tagliando l’anguria”.
Come pulcini me li ritrovo improvvisamente attaccati alle mie gambe..
“Mamma mi dai un pezzettino…anch’io lo voglio”.
Quel momento sembra la divisione dei pani e dei pesci, un pezzetto a Matteo, uno a Vincenzo, uno al papà che indifferentemente osserva la scena da dietro le quinte, uno alla mamma come premio.
Sicuramente il prodotto finito all’interno della ciotola è molto meno di quello iniziale ma a questo rito non rinuncerei per nulla al mondo….e ciclicamente lo aspetto ogni estate, con un anno in più sulle spalle.

 

L’anguria il suo colore rosso intenso mi ha ispirato questi red velvet cupcakes, i quali hanno fatto la stessa fine del frutto, ed io mi lascio coccolare da queste tenere e dolci soddisfazioni.

 

Ingredienti Red Velvet

Ingredienti per due tortiere da 18 cm di diametro oppure 20 Cupcakes

325 gr di Farina
320 gr di Zucchero
100 gr di Burro
3 Uova grandi
8 gr di Cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di Vaniglia
1/2 cucchiaino di Sale fino
250 gr di Buttermilk (  versione italiana,125gr di latte con 1 cucchiaino di succo di limone + 125 gr di Yogurt greco)
1 cucchiaino di aceto di mele
1 cucchiaio di bicarbonato
1 cucchiaino di colorante rosso in gel
Latticello versione italiana

 

Dopo aver fatto scaldare (non bollire) il latte,uniamo il cucchiaino di limone e lasciamo riposare per 10 minuti.
Trascorsi i minuti aggiungiamo lo yogurt greco mescolando e amalgamando i due composti.
In una ciotola uniamo il cacao amaro in polvere,la farina e il sale precedentemente setacciati.
Nella boule della planetaria montiamo a crema soffice il burro con lo zucchero e andiamo ad aggiungere le uova ed il cucchiaino di estratto di vaniglia (assicurarsi prima di aggiungere l’altro uovo che il precedente si sia amalgamato bene).
A questo punto aggiungiamo metà composto di farina e cacao, il buttermilk ed infine l’altra metà del composto solido farina/cacao.
In un bicchiere versiamo il bicarbonato di sodio e l’aceto, si formeranno tante bollicine,(la reazione) versiamo subito nella planetaria, e aggiungiamo il colorante in gel.

 

Versiamo l’impasto in due teglie da 18 cm di diametro, oppure riempiamo 20 pirottini, quasi per metà ed inforniamo in forno caldo a 170° per 35 minuti, ma per i cupcakes anche 25 minuti, controllare sempre la cottura.

 

Frosting all’anguria

40 gr di polpa di Anguria
200 gr di Panna fresca
100 gr di Zucchero a Velo
1 cucchiaino di Colorante in gel verde

 

Appoggiamo un colino a maglie strette su una ciotola , aggiungiamo i pezzi di anguria e con un cucchiaino pigiamo per estrarre l’acqua in eccesso.
La polpa rimarrà nel colino.
Nella boule della planetaria versiamo la panna, il colorante, lo zucchero a velo, azioniamo la planetaria per montarla.
Quando la panna avrà raggiunto la sua consistenza, riduciamo la velocità e versiamo la polpa di anguria.

Decoriamo i nostri cupcakes ormai freddi.

Note

Il buttermilk è un ingrediente fondamentale per moltissimi dolci americani ed anglosassoni perché li rende particolarmente soffici.
Inizialmente il latticello veniva ricavato dallo scarto della trasformazione della panna in burro,  la parte liquida che rimane e che viene lasciata inacidire naturalmente.
Questo procedimento però conferiva al prodotto un sapore sgradevole e meno conservabile.
Ecco perché oggi non viene più ottenuto in questo modo ma inserendo dei batteri nel latte che, responsabili della fermentazione del lattosio, producono acido lattico che dona al prodotto finito il caratteristico gusto acidulo .
La versione “finta” (passatemi il termine) del buttermilk è quella di lasciare inacidire il latte per alcuni minuti e di unirlo allo yogurt in proporzioni uguali.

 

Curiosità

Che la Red Velvet sia  una torta tanto amata dagli americani, statunitensi in particolare, ormai è noto a tutti.
Ad incuriosirci così tanto da renderla in voga anche in Italia credo sia stato il suo colore così rosso acceso, bella da vedersi e direi anche ottima di sapore, in quanto molto umida ma abbastanza consistente.
Ora inizialmente il suo colore scuro, quasi rosso era dovuto alla reazione chimica del bicarbonato/aceto/cacao.

 

Ma non era il rosso acceso che vediamo oggi dato dalla presenza di un cucchiaio abbondante di colorante.
Io ho provato due versioni, quella originale senza la presenza di colorante ed il colore era come un mattone, sia con aggiunta di colorante.
Cambia solo l’estetica..e non è poco.

 

 

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *